La Casa Bianca firma un ordine esecutivo per affrontare le preoccupazioni sulla sicurezza dell’IA

La Casa Bianca emana un decreto per affrontare le preoccupazioni sulla sicurezza dell'IA

Lunedì, l’Amministrazione Biden ha firmato un ordine esecutivo sull’Intelligenza Artificiale che mira ad affrontare le preoccupazioni sulla sicurezza senza ostacolare l’innovazione. L’obiettivo di questo ordine è un tentativo di bilanciare i diritti dei consumatori, le esigenze di mercato e le preoccupazioni per la sicurezza nazionale creando un primo set di guide che potrebbero essere rafforzate da future leggi.

In un rapporto dell’Associated Press, il Presidente ha dichiarato che l’Intelligenza Artificiale sta guidando il cambiamento a “velocità warp” e con questo cambiamento, può seguirne un gran numero di pericoli. Il presidente ha proseguito dicendo: “L’IA è ovunque intorno a noi,… Per realizzare la promessa dell’IA e evitare il rischio, dobbiamo governare questa tecnologia.”.

E come molti hanno osservato negli ultimi anni, la velocità warp è un confronto appropriato poiché la portata dell’IA in quasi ogni settore è cresciuta enormemente. Tuttavia, con la crescita dell’IA generativa, anche le paure legate alla sicurezza dell’IA, al bias e agli attori black hat sono aumentate.

L’ordine in sé è un primo passo nel processo di governo dell’IA negli Stati Uniti. L’obiettivo è incentivare l’IA affidabile rispetto alle varianti negative. Naturalmente, ciò richiederebbe anche un’azione del Congresso in futuro.

E sebbene possa sembrare che questo potrebbe non accadere, il Congresso, almeno dall’inizio dell’anno, sta lavorando per affrontare l’IA in uno dei suoi pochi sforzi bipartisan. Nel settembre scorso, i leader tecnologici si sono incontrati sia con la Camera dei rappresentanti che con il Senato degli Stati Uniti per affrontare l’IA, la regolamentazione e il futuro della tecnologia.

L’ordine esecutivo utilizza anche la Defense Production Act per richiedere agli sviluppatori di IA di condividere i risultati dei test di sicurezza e altre informazioni con il governo. Da lì, l’National Institute of Standards and Technology dovrà creare una serie di standard per garantire che gli strumenti dell’IA soddisfino sia i requisiti di sicurezza che quelli di sicurezza prima della loro pubblicazione.

Non finisce qui. Il Dipartimento del Commercio è stato incaricato di emittere una guida sull’etichettatura e sul watermarking dei contenuti generati da IA per aiutare a distinguere le interazioni umane dalle interazioni generate da IA.

L’ordine tocca anche brevemente altre questioni come la privacy, la protezione dei consumatori, i diritti dei lavoratori, la ricerca scientifica e i diritti civili. Dell’ordine, il capo dello staff della Casa Bianca Jeff Zients ha menzionato il punto di vista del Presidente Biden sull’IA: “Non possiamo muoverci al ritmo normale del governo,… Dobbiamo muoverci tanto velocemente, se non più velocemente, della stessa tecnologia.”.

Questo movimento è ancora dietro a quelli della Cina in termini di governo dell’IA generativa. L’Unione Europea è nelle prime fasi di una nuova legge di vasta portata per governare l’IA.