Gli Stati Uniti mettono in discussione la dominanza di Google nella ricerca

USA challenge Google's dominance in search

.fav_bar { float:left; border:1px solid #a7b1b5; margin-top:10px; margin-bottom:20px; } .fav_bar span.fav_bar-label { text-align:center; padding:8px 0px 0px 0px; float:left; margin-left:-1px; border-right:1px dotted #a7b1b5; border-left:1px solid #a7b1b5; display:block; width:69px; height:24px; color:#6e7476; font-weight:bold; font-size:12px; text-transform:uppercase; font-family:Arial, Helvetica, sans-serif; } .fav_bar a, #plus-one { float:left; border-right:1px dotted #a7b1b5; display:block; width:36px; height:32px; text-indent:-9999px; } .fav_bar a.fav_print { background:url(‘/images/icons/print.gif’) no-repeat 0px 0px #FFF; } .fav_bar a.fav_print:hover { background:url(‘/images/icons/print.gif’) no-repeat 0px 0px #e6e9ea; } .fav_bar a.mobile-apps { background:url(‘/images/icons/generic.gif’) no-repeat 13px 7px #FFF; background-size: 10px; } .fav_bar a.mobile-apps:hover { background:url(‘/images/icons/generic.gif’) no-repeat 13px 7px #e6e9ea; background-size: 10px} .fav_bar a.fav_de { background: url(/images/icons/de.gif) no-repeat 0 0 #fff } .fav_bar a.fav_de:hover { background: url(/images/icons/de.gif) no-repeat 0 0 #e6e9ea } .fav_bar a.fav_acm_digital { background:url(‘/images/icons/acm_digital_library.gif’) no-repeat 0px 0px #FFF; } .fav_bar a.fav_acm_digital:hover { background:url(‘/images/icons/acm_digital_library.gif’) no-repeat 0px 0px #e6e9ea; } .fav_bar a.fav_pdf { background:url(‘/images/icons/pdf.gif’) no-repeat 0px 0px #FFF; } .fav_bar a.fav_pdf:hover { background:url(‘/images/icons/pdf.gif’) no-repeat 0px 0px #e6e9ea; } .fav_bar a.fav_more .at-icon-wrapper{ height: 33px !important ; width: 35px !important; padding: 0 !important; border-right: none !important; } .a2a_kit { line-height: 24px !important; width: unset !important; height: unset !important; padding: 0 !important; border-right: unset !important; border-left: unset !important; } .fav_bar .a2a_kit a .a2a_svg { margin-left: 7px; margin-top: 4px; padding: unset !important; }

Il caso Google è il primo a raggiungere il processo di una serie di cause antitrust governative lanciate contro le principali aziende tecnologiche dopo che l'amministrazione Trump e i procuratori generali degli stati hanno intensificato l'applicazione e il coordinamento nel 2019. ¶ Credito: Daniel GrizelJ/Getty Images

La ricerca improvvisa di un membro della famiglia su Google per ottenere un visto all’ultimo minuto per visitare la Nuova Zelanda ha recentemente causato un mal di testa e fornito un promemoria tempestivo del motivo per cui Google affronta un processo storico di antitrust negli Stati Uniti la prossima settimana.

Cliccando sul primo link siamo stati indirizzati a un sito web che dopo poche scorciatoie ha addebitato $118 per la documentazione necessaria. Solo in seguito è emerso che avevamo pagato una cosiddetta “azienda di tecnologia di viaggio basata su Internet” e non un’agenzia governativa, e ci erano stati sottratti più del doppio del costo richiesto.

Fortunatamente, la nostra richiesta di rimborso frettolosa è stata soddisfatta, ma l’errore evidenzia una grande frustrazione con Google che ha contribuito a portarlo in tribunale. Le pile di annunci sopra i risultati di ricerca, come il link per il visto su cui abbiamo cliccato, troppo spesso deviano gli utenti dalle informazioni che stanno cercando.

Da Wired Visualizza l’articolo completo