ODSC West 2023 Keynote L’etica delle Menti Digitali Una Nuova Frontiera Sconcertante

ODSC West 2023 Keynote L'Etica delle Menti Digitali - Una Nuova Frontiera Sorprendente

Con il mondo che sta diventando sempre più digitalizzato con la crescita della tecnologia, ora è necessario porre nuove domande morali ed etiche che non sarebbero state possibili in passato. A ODSC West 2023, Nick Bostrom è un filosofo svedese dell’Università di Oxford noto per il suo lavoro sull’etica dell’intelligenza artificiale che offre una chiave di lettura approfondita su questo problema e altro.

Nel suo intervento, “L’etica delle menti digitali: una nuova frontiera sconcertante”, Bostrom discute dello stato morale potenziale delle menti digitali e delle sfide che affrontiamo nello sviluppo di quadri etici per la loro creazione e utilizzo.

Bostrom inizia osservando che le intelligenze artificiali sono tradizionalmente viste come strumenti, ma che questo potrebbe non essere più il caso in futuro. Egli sostiene che man mano che le intelligenze artificiali diventano più sofisticate, potrebbero sviluppare la capacità di provare dolore e sofferenza e potrebbero anche sviluppare i loro obiettivi e valori. Se ciò accade, le intelligenze artificiali non saranno più semplici strumenti, ma saranno invece soggetti morali con i loro diritti e interessi.

Inoltre, ha discusso delle sfide dello sviluppo di quadri etici per diverse forme di intelligenza artificiale e tecnologie simili. Ma c’è un problema principale. Durante l’intervento, Nick sostiene che molti dei principi etici che attualmente utilizziamo, come il principio dell’utilità, potrebbero non essere applicabili ai programmi di intelligenza artificiale. Il motivo è che i programmi di intelligenza artificiale potrebbero avere obiettivi e valori diversi rispetto agli esseri umani e potrebbero non essere suscettibili agli stessi tipi di danni e benefici degli esseri umani.

La fantascienza popolare è disseminata di riferimenti a questa possibilità. E durante il suo intervento, Nick ha cercato di portare questo importante argomento alla ribalta. È evidente che lo sviluppo dell’intelligenza artificiale è un risultato estremamente vantaggioso per l’umanità, ma è anche ricco di complessi e impegnativi problemi legati all’etica.

In breve, non ci sono risposte facili, ma è importante che iniziamo a riflettere su questi problemi ora, prima che sia troppo tardi. Quando ha concluso il suo intervento, Bostrom sostiene che abbiamo bisogno di cominciare a riflettere sulle implicazioni etiche dell’intelligenza artificiale ora, prima che sia troppo tardi. Ha affermato che dobbiamo sviluppare quadri etici che possano accogliere lo stato morale potenziale delle intelligenze artificiali e che dobbiamo farlo in modo equo e giusto sia per gli esseri umani che per le intelligenze artificiali.

L’intervento di Bostrom è un’indagine stimolante delle sfide etiche poste dall’intelligenza artificiale mentre continua a trasformare il modo in cui opera la nostra civiltà. Sebbene i benefici della tecnologia siano stati spesso evidenziati, c’è ancora molto lavoro da fare per assicurare che siano in vigore percorsi etici in modo che eventuali danni siano ridotti al minimo mentre l’umanità si addentra in un futuro in cui condivide questo viaggio con l’intelligenza artificiale, mano nella mano.

Se hai trovato interessante questo intervento, allora non devi perdere il prossimo convegno ODSC, ODSC East! Sii uno dei primi 50 partecipanti per East e risparmia il 75%!