Scienziati informatici dell’UMass Amherst utilizzano l’intelligenza artificiale per accelerare la velocità di calcolo di migliaia di volte

Informatics scientists at UMass Amherst use AI to accelerate computing speed by thousands of times

.fav_bar { float:left; border:1px solid #a7b1b5; margin-top:10px; margin-bottom:20px; } .fav_bar span.fav_bar-label { text-align:center; padding:8px 0px 0px 0px; float:left; margin-left:-1px; border-right:1px dotted #a7b1b5; border-left:1px solid #a7b1b5; display:block; width:69px; height:24px; color:#6e7476; font-weight:bold; font-size:12px; text-transform:uppercase; font-family:Arial, Helvetica, sans-serif; } .fav_bar a, #plus-one { float:left; border-right:1px dotted #a7b1b5; display:block; width:36px; height:32px; text-indent:-9999px; } .fav_bar a.fav_de { background: url(../images/icons/de.gif) no-repeat 0 0 #fff } .fav_bar a.fav_de:hover { background: url(../images/icons/de.gif) no-repeat 0 0 #e6e9ea } .fav_bar a.fav_acm_digital { background:url(‘../images/icons/acm_digital_library.gif’) no-repeat 0px 0px #FFF; } .fav_bar a.fav_acm_digital:hover { background:url(‘../images/icons/acm_digital_library.gif’) no-repeat 0px 0px #e6e9ea; } .fav_bar a.fav_pdf { background:url(‘../images/icons/pdf.gif’) no-repeat 0px 0px #FFF; } .fav_bar a.fav_pdf:hover { background:url(‘../images/icons/pdf.gif’) no-repeat 0px 0px #e6e9ea; } .fav_bar a.fav_more .at-icon-wrapper{ height: 33px !important ; width: 35px !important; padding: 0 !important; border-right: none !important; } .a2a_kit { line-height: 24px !important; width: unset !important; height: unset !important; padding: 0 !important; border-right: unset !important; border-left: unset !important; } .fav_bar .a2a_kit a .a2a_svg { margin-left: 7px; margin-top: 4px; padding: unset !important; }

Dice il professor Emery Berger, docente di informatica presso l'Università di Massachusetts Amherst, “I computer non stanno più diventando più veloci. Le future miglioramenti di velocità arriveranno meno dall'hardware migliore e più dalla programmazione più rapida ed efficiente.” ¶ Credit: KTSimage/Getty Images

Un team di informatici presso l’Università di Massachusetts Amherst, guidato da Emery Berger, ha recentemente presentato un profiler Python vincitore di un premio chiamato Scalene . I programmi scritti in Python sono notoriamente lenti, fino a 60.000 volte più lenti del codice scritto in altri linguaggi di programmazione, e Scalene lavora per identificare in modo efficiente esattamente dove Python sta rallentando, consentendo ai programmatori di risolvere i problemi e ottimizzare il loro codice per prestazioni migliori.

Ci sono molti linguaggi di programmazione diversi, come C++, Fortran e Java, ma negli ultimi anni un linguaggio è diventato quasi ubiquo: Python.

“Python è un linguaggio ‘batteries-included'”, dice Berger, che è professore di informatica presso il Manning College of Information and Computer Sciences dell’Università di Massachusetts Amherst, “ed è diventato molto popolare nell’era della scienza dei dati e dell’apprendimento automatico perché è così user-friendly.” Il linguaggio viene fornito con librerie di strumenti facili da usare e ha una sintassi intuitiva e leggibile, che consente agli utenti di iniziare rapidamente a scrivere codice Python.

Dal University of Massachusetts Amherst News Visualizza l’articolo completo