Incontra PEARL – Il nuovo strumento di intelligenza artificiale che può eseguire chiamate di assistenza clienti e vendite

Incontra PEARL - L'IA che gestisce chiamate di assistenza clienti e vendite

Immagina un call center gestito semplicemente da un sistema AI completamente automatizzato che non solo può effettuare chiamate di vendita, ma può anche gestire le richieste dei clienti nel settore del supporto clienti. Sebbene ciò possa sembrare fantascienza per alcuni, è ciò che PERAL promette di fare.

In un post su LinkedIn di Eric Vyacheslav, Ingegnere AI presso Google, presenta al mondo PEREL, un AI completamente automatizzato che può effettuare chiamate di 60 minuti. Ma non è tutto, secondo l’ingegnere può gestire qualsiasi azione necessaria per gestire una chiamata quando si tratta di un essere umano dall’altra parte della linea.

Nel post, Eric Vyacheslav fornisce anche un audio di oltre tre minuti dell’AI in azione. Durante l’audio, si può sentire l’AI interagire con un cliente, ed è piuttosto difficile, se non impossibile, capire che non si tratti di un essere umano che parla al telefono.

Ascoltando, PEARL sembra come se stesse leggendo da uno script, simile agli esseri umani nella posizione di un operatore di chiamata. Ciò include fare domande, chiedere dettagli e portare avanti la conversazione con la persona dall’altra parte della linea.

Nel complesso, è un audio interessante da ascoltare perché la conversazione suona in modo molto realistico, dimostrando il lavoro svolto dietro questo modello. Da quando è stato pubblicato lo scorso martedì, ha ottenuto uno stato semi-virale su LinkedIn. Con oltre cento commenti e quasi mille reazioni, PEARL ha avuto una piattaforma piuttosto solida per farsi notare.

Il post su PEARL arriva poche settimane dopo che una startup ha licenziato il 90% del suo personale del call center a favore di un chatbot AI. Naturalmente, con qualcosa come PEARL all’orizzonte, ciò alimenta l’inquietudine che molti provano nei confronti dell’IA come un notevole elemento di disturbo nel mercato del lavoro.

Anche Goldman Sachs ha segnalato che l’IA generativa si prevede avrà un impatto su centinaia di milioni di posti di lavoro nei prossimi anni. Ciò ha spinto importanti attori nel campo della scienza dei dati, come il co-fondatore di DeepMind Mustafa Suleyman, a chiedere una soluzione politica per la possibilità di una significativa interruzione della forza lavoro.

Indipendentemente dalle implicazioni, PEARL sembra mostrare un altro importante passo avanti nel modo in cui l’IA può svolgere un ruolo in diversi settori. La sua capacità di elaborare pagamenti, raccogliere informazioni e interagire con gli esseri umani è una testimonianza del lavoro svolto dietro di essa.

Nota dell’editore: L’apprendimento profondo sta diventando un argomento critico per il futuro dello sviluppo dell’IA, e se vuoi rimanere in prima linea sulle ultime novità, devi ascoltare i leader del settore che guidano l’innovazione. Puoi farlo partecipando al ODSC West 2023 Deep Learning & Machine Learning Track. Prenota il tuo posto e registra oggi stesso.