Il Centro per l’Innovazione nella Conservazione del Chesapeake Conservancy compie 10 anni

Il Centro per l'Innovazione nella Conservazione del Chesapeake Conservancy compie 10 anni' can be condensed to 'Il Centro per l'Innovazione nella Conservazione del Chesapeake compie 10 anni

Fondata nel 2013, con un finanziamento da parte di Intel e la campagna Digital Energy and Sustainability Solutions

Annapolis, MD – Il Centro per l’Innovazione nella Conservazione (CIC) della Chesapeake Conservancy compie 10 anni quest’anno. Fondato nel 2013 con due membri dello staff, il CIC conta attualmente 13 dipendenti che contribuiscono a cambiare il modo in cui viene condotta la conservazione, utilizzando tecnologie all’avanguardia per favorire il successo della conservazione e del ripristino basati sui dati. Attraverso collaborazioni locali, regionali e nazionali, il CIC rende i dati accessibili ai professionisti della conservazione per praticare una conservazione precisa, ossia utilizzare i dati per valutare le giuste pratiche di ripristino e conservazione nei luoghi e nei tempi opportuni. Grazie a questa precisione, i conservazionisti ottengono un maggiore impatto con minori risorse.

@media(min-width:0px){#div-gpt-ad-aitimejournal_com-medrectangle-3-0-asloaded{max-width:728px!important;max-height:400px!important;}}

“L’idea del CIC è stata sviluppata e coltivata dall’ex membro del Consiglio di Amministrazione della Chesapeake Conservancy Stephen Harper, che, dopo aver lavorato per Intel per quasi 15 anni, ha deciso di prendersi una pausa per la conservazione presso la Chesapeake Conservancy”, ha dichiarato Joel Dunn, Presidente e CEO della Chesapeake Conservancy. “Oggi, il CIC sta fornendo strumenti agli altri per lavorare in modo più intelligente, non più duro, grazie alle più recenti tecnologie. Proprio come l’uso della tecnologia ha cambiato il mondo delle imprese rendendolo più efficiente, la tecnologia sta cambiando anche il movimento per la conservazione”.

“Ciò che mi dà grande speranza per la conservazione del nostro pianeta e l’idea di salvaguardare il 30% o il 50% del globo per proteggere la biodiversità è vedere organizzazioni come il Centro per l’Innovazione nella Conservazione della Chesapeake Conservancy democratizzare i dati e trasformare le informazioni in azioni concrete”, ha dichiarato Jack Dangermond, Presidente di Esri.

“Guardando indietro negli ultimi 10 anni, sono così orgoglioso del nostro team, passato e presente, che ha compiuto un lavoro incredibile. Oltre a creare dati di uso del suolo/copertura terrestre ad alta risoluzione e sfruttare il potere dell’apprendimento automatico per la conservazione, il nostro team tecnologico per la conservazione ha contribuito a importanti traguardi nella conservazione”, ha aggiunto Dunn.

“Di recente, il Centro per l’Innovazione nella Conservazione ha creato un modello di apprendimento profondo che mappa automaticamente gli impianti solari a terra nelle immagini satellitari. Con la crescita rapida dell’energia solare nel bacino della Chesapeake, questa nuova mappa finalmente risponde alla domanda del dove. I nostri scienziati dei dati hanno anche sviluppato un modello di apprendimento profondo per mappare la presenza di zone umide, che attualmente funziona con un’accuratezza del 94% in alcune regioni selezionate. Attualmente, stiamo lavorando in collaborazione con ricercatori per creare mappe dettagliate ed accurate di corsi d’acqua precedentemente poco mappati in tutto il bacino della Chesapeake utilizzando dati LiDAR e innovative tecniche di interpretazione del terreno”, ha continuato Dunn.@media(min-width:0px){#div-gpt-ad-aitimejournal_com-medrectangle-4-0-asloaded{max-width:300px!important;max-height:250px!important;}}

Ripercorriamo una “Top Ten” dei successi del CIC in occasione del suo decimo anniversario! (*in nessun ordine particolare):

1. Fondata nel 2013 con un progetto iniziale finanziato da un contributo di Intel e dalla campagna Digital Energy and Sustainability Solutions

2. Creato oltre 60 applicazioni web e strumenti online per assistere partner locali e regionali nella conservazione e nel ripristino

3. Supportato oltre 10 trust fondiari e collaborazioni nella conservazione delle terre attraverso strumenti di prioritizzazione, analisi e mappe personalizzati

4. Favorito l’approvazione delle leggi sulla conservazione delle foreste del Maryland attraverso analisi ad alta risoluzione della copertura arborea

@media(min-width:0px){#div-gpt-ad-aitimejournal_com-box-4-0-asloaded{max-width:580px!important;max-height:400px!important;}}

5. Guidato l’implementazione ottimale dell’energia solare per 14 contee attraverso analisi del paesaggio con un’attenzione ai criteri di conservazione/ripristino

6. Fornito i primi dati di cambiamento ad alta risoluzione di uso del suolo e copertura terrestre per la Chesapeake (2022)

7. Assunto due scienziati dei dati specializzati in apprendimento automatico con finanziamenti del Grayce B. Kerr Fund Inc. (2019, 2022)

8. Invitato relatori principali alla Conferenza Internazionale degli Utenti di Esri (2016) e protagonista di un video di Microsoft (2017) e di un articolo su Wired magazine (2018)

9. Oggetto di uno studio di caso della Harvard Business School (2020)

10. Prodotta la Banca Dati di Uso del Suolo/Copertura Terrestre ad Alta Risoluzione della Baia di Chesapeake pubblicata dal Programma della Baia di Chesapeake dell’EPA (2016)

La Chesapeake Conservancy ha recentemente ospitato un webinar per spiegare il lavoro del CIC, disponibile per la visione su bit.ly/2023CICwebinar.

@media(min-width:0px){#div-gpt-ad-aitimejournal_com-banner-1-0-asloaded{max-width:250px!important;max-height:250px!important;}}@media(min-width:0px){#div-gpt-ad-aitimejournal_com-banner-1-0_1-asloaded{max-width:250px!important;max-height:250px!important;}} .banner-1-multi-360{border:none !important;display:block !important;float:none !important;line-height:0px;margin-bottom:15px !important;margin-left:auto !important;margin-right:auto !important;margin-top:15px !important;max-width:100% !important;min-height:250px;min-width:250px;padding:0;text-align:center !important;width:100%;} CONTATTO MEDIA:Jody Couser443-703-8678 [email protected]

@media(min-width:0px){#div-gpt-ad-aitimejournal_com-large-leaderboard-2-0-asloaded{max-width:728px!important;max-height:400px!important;}}

@media(min-width:0px){#div-gpt-ad-aitimejournal_com-large-leaderboard-2-0-asloaded{max-width:728px!important;max-height:400px!important;}}