L’Europa in prima linea nel boom della stampa 3D nell’ultimo decennio

L'Europa alla ribalta nel boom della stampa 3D dell'ultimo decennio

Oltre agli Stati Uniti, l'Europa sta guidando la corsa globale all'innovazione nella stampa 3D, secondo il rapporto dell'EPO. ¶ Credito: Canva

Un rapporto dell’Ufficio europeo dei brevetti (EPO) ha rilevato che nell’ultimo decennio le domande di brevetto per la tecnologia di stampa tridimensionale (3D) sono aumentate otto volte più velocemente rispetto alla media di tutti i settori tecnologici combinati.

Il tasso medio di crescita annuale è stato del 26,3% dal 2013 al 2020 per le famiglie internazionali di brevetti (FIB) nella stampa 3D.

Il presidente dell’EPO, António Campinos, ha dichiarato: “L’Europa ha ottenuto quattro dei primi dieci posti per le istituzioni di ricerca nell’innovazione della fabbricazione additiva. Questo è un segnale positivo per il futuro poiché i progressi tecnici in questo campo spesso derivano dalla ricerca all’avanguardia in queste istituzioni”.

A livello globale, sono state presentate oltre 50.000 FIB per tecnologie di stampa 3D dal 2001, con gli Stati Uniti e l’Europa che rappresentano rispettivamente il 39,8% e il 32,9%, seguiti da Giappone (13,9%), Cina (3,7%) e Corea del Sud (3,1%).

Delle FIB pubblicate dal 2001 al 2020, circa il 20% riguardava il settore della salute e della medicina. Da EuroNews Visualizza l’articolo completo

Diritti d’autore degli abstract © 2023 SmithBucklin, Washington, D.C., USA