Binny Gill, Fondatore e CEO di Kognitos – Serie di interviste

Binny Gill, Fondatore e CEO di Kognitos

Binny Gill ha un’esperienza lavorativa diversificata ed estesa che spazia su molteplici ruoli e aziende. Attualmente, Binny è il fondatore e CEO di Kognitos, un’azienda focalizzata sulla rendere la programmazione accessibile e consentire alle imprese di ottimizzare le loro operazioni e le esperienze dei clienti.

Binny è un inventore prolifico in informatica, con quasi 100 brevetti, e crede che sempre più persone debbano essere in grado di istruire i computer in linguaggio naturale.

Potresti condividere la storia della genesi di Kognitos?

Durante la pandemia, mio figlio ha deciso di creare il gioco del tris in Python. L’ha creato in un paio di giorni e io ero un padre orgoglioso. Tuttavia, mi sono svegliato il giorno seguente realizzando che avevo creato lo stesso gioco circa 30 anni fa, impiegando lo stesso tempo. Avevo la stessa età all’epoca. Mi sono reso conto che la programmazione non è diventata più facile nel corso dei decenni. Tutto ciò che abbiamo fatto è far capire a più persone la programmazione.

Sono tornato a sfidare mio figlio a scrivere un altro programma. Questa volta per capire se un numero è primo o meno. Mi sono trovato a cercare di insegnargli la programmazione dicendogli che doveva “pensare come una macchina”. Ma non è servito a nulla. Poi ho capito cosa mi mancava. Gli ho insegnato a scrivere prima “il codice pseudocodice” (solo una spiegazione di ciò che il programma farà ma con le sue parole). È stato facile, ci sono voluti 5 minuti. Abbiamo iniziato a convertire quello in un codice funzionante. È stato difficile per un programmatore alle prime armi e dopo qualche ora mio figlio ha detto che non voleva più programmare.

Sono rimasto sorpreso. Perché la programmazione era così difficile anche dopo 7 decenni di innovazione e migliaia di linguaggi di programmazione inventati? Ho offerto a mio figlio di trovare un linguaggio che funzionasse per lui. Ha immediatamente detto: “perché questo non funziona?” – indicava il codice pseudocodice che aveva scritto in 5 minuti per il problema dei numeri primi. Ho riso e ho detto: “No, quelli sono solo i tuoi appunti. La macchina non può capire quello”.

“Perché non può essere come Alexa?” ha detto incredulo. E quel momento è stato illuminante. Dopo un lungo silenzio ho detto a mio figlio di non imparare Python. Kognitos è nato.

Puoi approfondire il funzionamento interno della piattaforma? Come Kognitos si rivolge ai clienti?

Kognitos è la prima piattaforma di automazione al mondo costruita interamente in inglese. Abbiamo sviluppato un interprete unico nel suo genere per il linguaggio naturale che comprende ed esegue il codice in linguaggio naturale. L’impatto di ciò è enorme poiché ora tutti gli utenti aziendali, che siano sviluppatori altamente tecnici, analisti finanziari o diplomati che elaborano fatture, possono capire e utilizzare lo stesso strumento di automazione.

Dal punto di vista aziendale, l’impatto si verifica in diverse aree. Il tempo necessario per costruire l’automazione viene ridotto poiché non è necessaria alcuna traduzione dai passaggi in inglese a Python o ad altri linguaggi di programmazione. L’utente aziendale può ora utilizzare le sue conoscenze funzionali specifiche per gestire le eccezioni e insegnare a Kognitos come gestire esempi futuri. Ciò alleggerisce il carico sul reparto IT. E, infine, il rispetto delle normative e del reparto IT sono soddisfatti poiché tutti i dati su ciò che sia gli umani che l’IA hanno fatto sono memorizzati in inglese, quindi sono facilmente accessibili quando necessario.

Quali sono alcuni degli algoritmi di apprendimento automatico utilizzati, e in quale parte del processo si inserisce l’IA generativa?

Kognitos combina due tecnologie fondamentali per fornire una piattaforma di automazione che funziona come le persone. Proprio come gli esseri umani hanno due emisferi cerebrali, uno altamente logico e uno che utilizza il riconoscimento dei pattern e l’intuizione per essere creativo, Kognitos ha due lati. Innanzitutto, Kognitos si basa sul nostro interprete brevettato, il primo al mondo a “Eseguire l’inglese come codice”. L’interprete (il lato logico) fornisce la coerenza, la determinazione e l’auditabilità necessarie per le operazioni dei processi aziendali.

Combiniamo questo con LLM (il lato creativo) per potenziare le sue capacità e rendere la piattaforma ancora più accessibile agli utenti. Un esempio di ciò è il nostro sistema di gestione delle eccezioni conversazionali. Quando si verifica un errore (ad esempio, un documento manca in un flusso di lavoro), Kognitos invia l’errore a un LLM e gli indica di presentare l’errore in modo che l’utente aziendale possa capirlo e rispondere. L’utente può quindi rispondere in inglese (come una conversazione) dicendo a Kognitos come risolvere il problema. Utilizziamo il miglior modello per ogni situazione, inclusi GPT 3.5, GPT 4, Palm 2 e altri. Man mano che l’utente aziendale gestisce le eccezioni, il sistema impara da questi esempi e, utilizzando alcune tecniche di suggerimento, può capire rapidamente cosa fa l’utente aziendale senza la necessità di un addestramento estensivo, come avveniva in passato con i modelli di intelligenza artificiale tradizionali.

Come si differenzia Kognitos dalla concorrenza? Come viene utilizzato a livello aziendale?

Kognitos si differenzia eliminando la necessità di sviluppatori altamente qualificati o data scientist, eliminando così gran parte dei costi di manutenzione nell’automazione. Gli sviluppatori RPA sono non solo costosi, ma anche in breve fornitura. Ciò comporta prodotti concorrenti (che sono principalmente basati su tecnologie dei primi anni 2000), lunghe code di progetti non completati nell’IT, software inutilizzato e costi di manutenzione elevati per ciò che è già implementato.

Perché Kognitos democratizza l’automazione rendendola accessibile a tutti nella lingua degli affari, l’inglese, ora gli utenti aziendali possono essere coinvolti nel processo di automazione. Le organizzazioni potrebbero comunque volere utenti più tecnici per costruire le automazioni come parte del loro processo di governance, ma la gestione delle eccezioni passa agli utenti aziendali che hanno la conoscenza degli argomenti per gestirle. Ciò riduce notevolmente i costi di tutte le automazioni, creando forti casi di ritorno sull’investimento per le automazioni che in precedenza non erano fattibili con l’RPA. Di conseguenza, le aziende utilizzano principalmente Kognitos per processi ad alto volume, ripetitivi, manuali e che contengono molte eccezioni o variazioni. Comunemente questi processi si trovano in Finanza, Contabilità, Risorse Umane e supply chain.

Come ha influenzato la tua esperienza nel software cloud la tua visione di Kognitos? Quali sono le aree di sovrapposizione tra cloud e generative AI?

La mia visione è quella di portare la cultura informatica alle masse, non obbligando più umani a parlare la lingua delle macchine, ma formando le macchine a parlare la lingua degli umani. Per tutta la mia vita ho imparato un numero infinito di linguaggi informatici e ho sempre pensato che l’esperienza della programmazione fosse subottimale. Perché la macchina non può farmi una semplice domanda invece di bloccarsi a metà di un lungo processo automatizzato? Credo che il paradigma della programmazione (sia cloud che automazione dei processi o AI) stia cambiando in modo fondamentale oggi verso il linguaggio naturale.

Dal momento in cui siamo passati dalle schede perforate e dalla programmazione assembly a C, Fortran e Cobol, non ci sono state miglioramenti fondamentali nei linguaggi di programmazione fino ad oggi. Stiamo ora passando dal campo dei linguaggi precisi per programmare i computer a linguaggi imprecisi per programmarli utilizzando linguaggi naturali. Il motivo per cui ciò sta diventando possibile ora è che le macchine sono finalmente in grado di rispondere all’umano per chiarire l’intento del programma. Questo è enorme e avrà un impatto su tutta la scienza informatica (non solo il cloud, ma ogni pezzo di software intorno a noi). Credo che tutte le app aziendali saranno ora scritte in inglese.

Come Kognitos dà priorità alla supervisione umana sfruttando i rapidi progressi nell’AI?

Nell’era industriale, abbiamo costruito macchine molto più potenti di noi e abbiamo sollevato le persone dal lavoro manuale. L’elemento chiave per renderlo sicuro era che noi umani avevamo il “volante” in mano per controllare la macchina. Con i rapidi progressi dell’AI, stiamo ora entrando nell’era in cui costruiremo macchine molto più potenti di noi che ci solleveranno dal lavoro mentale. Ma dov’è il nostro nuovo “volante”?

In Kognitos, crediamo che il volante sia la democratizzazione della revisione dell’automazione. Mentre sfruttiamo la creatività di LLM per scrivere automazioni, rendere possibile a tutti gli umani di revisionare quelle automazioni è la chiave per rimanere sicuri e sotto controllo. Fornendo una piattaforma in cui ciò che la macchina pianifica di eseguire in modo deterministico è espresso in linguaggio naturale, Kognitos sta dando alla maggior parte dell’umanità quel tanto necessario “volante”.

Come il cervello umano, l’interprete di Kognitos è di natura dualistica (Logica + LLM). La logica è l’antidoto per le allucinazioni e costruendo il livello LLM sopra l’interprete logico, Kognitos è in grado di imporre convalidhe in modo deterministico dopo ogni passo basato su LLM che richiede revisione. Inoltre, essendo un sistema basato sullo stato, la piattaforma Kognitos registra ogni azione sia dell’umano che dell’AI in inglese ed è quindi un sistema AI 100% verificabile e trasparente.

Al momento, la maggior parte delle attività aziendali viene svolta tramite computer e dispositivi mobili. Cosa deve cambiare prima che le aziende abbraccino veramente nuove tecnologie come la realtà aumentata e la realtà virtuale?

Entrando nell’era in cui le macchine superano il test di Turing, tutte le interfacce tradizionali che sono state inventate perché le macchine non potevano capire direttamente gli umani verranno smantellate. Già preferisco non aprire app sul mio smartphone se Alexa o Siri possono fare il lavoro al mio posto. Il design delle interfacce uomo-computer lascerà spazio alle interfacce uomo-uomo per le macchine. Quindi, prevedo che tutte le interfacce basate su drag-and-drop e menu cederanno il posto a interfacce basate su linguaggio naturale.

Per rispondere alla domanda se la realtà aumentata e virtuale saranno abbracciate dalle aziende, prima dobbiamo vedere che ciò accada nel mondo dei consumatori. Se non sta accadendo nelle nostre cucine di casa, è improbabile che accada su larga scala nelle aziende. Quello che prevedo è una rivoluzione nella robotica a seguito della rivoluzione nell’AI generativa. Quei robot saranno l’interfaccia alle macchine sia a casa che nelle aziende. Gli umani amano mantenere le cose reali.

Cosa ti aspetti che sia la prossima grande scoperta nell’Intelligenza Artificiale?

Potrebbe accadere l’invenzione di un’intelligenza artificiale generale (AGI) che potrebbe imparare a compiere qualsiasi compito intellettuale che gli esseri umani possono svolgere, ma come società dovremmo scoraggiare questo. Io favoreisco l’invenzione di una collezione di modelli di intelligenza artificiale ristretta (ANI) che aiuteranno l’umanità in compiti specifici. Tuttavia, combinando questi modelli ANI tramite un sistema logico e verificabile, possiamo raggiungere compiti monumentali pur rimanendo in controllo del processo complessivo.

Qual è la tua visione per gli sviluppi futuri nell’automazione dei processi aziendali?

Il ruolo degli esseri umani nelle aziende sta per cambiare drammaticamente. Inizialmente, le informazioni sui processi aziendali che si trovano nella mente delle persone verranno tradotte in codice macchina utilizzando piattaforme di linguaggio naturale come Kognitos. Una volta che i processi sono nella macchina, facendo funzionare quei processi, la macchina inizierà a creare un diario aziendale di tutto ciò che accade nell’azienda. Questo crea un tesoro di dati che cattura veramente l’essenza di qualsiasi azienda.

Eventualmente, modelli di intelligenza artificiale ristretta superumani gestiranno ogni aspetto di un’azienda (dal marketing alle vendite all’ingegneria). Quel “talento” non lascerà più l’azienda. Gli esseri umani avranno solo un ruolo di revisione, quasi legislativo. Gli esseri umani approveranno nuove politiche, prenderanno decisioni su questioni etiche e si assumeranno la responsabilità delle azioni aziendali. Tuttavia, la maggior parte delle operazioni aziendali sarà svolta dalle macchine.

C’è qualcos’altro che vorresti condividere su Kognitos?

Presso Kognitos ci preoccupiamo profondamente della sicurezza futura dell’umanità in presenza di intelligenze superumane. Il potere collettivo degli esseri umani oggi si esprime attraverso le macchine che abbiamo costruito. Queste macchine, che siano fabbriche o automobili o macchine da guerra, sono controllate da computer. Oggi l’IA generativa sta scrivendo programmi per controllare queste macchine. E quei programmi sono espressi in linguaggi di programmazione tradizionali, ed è difficile convincersi che non ci siano pregiudizi o allucinazioni che si insinuano in quei programmi generati. L’unico modo per mantenere la nostra sicurezza è rivedere tutti quei programmi. Tuttavia, la revisione dei linguaggi di programmazione tradizionali richiede sviluppatori e non ne abbiamo abbastanza nel mondo.

Attualmente viviamo nell’era oscura della cultura informatica, con una persona su 200 in grado di revisionare qualsiasi codice. Cambiando il linguaggio dell’automazione in inglese, Kognitos consentirà a 100 volte più automazioni di essere revisionate dagli esseri umani, amplificando la capacità di revisione degli esseri umani di ordini di grandezza e mantenendo gli esseri umani al sicuro in presenza di IA superumane.

Grazie per l’ottima intervista, i lettori che desiderano saperne di più dovrebbero visitare Kognitos.